Username: Password:

Author Topic: Il p2p per far parlare (gratis) i cellulari  (Read 6585 times)

cmpfrc

  • Hero Member
  • *****
  • Posts: 775
  • .???????.
    • View Profile
Il p2p per far parlare (gratis) i cellulari
« on: September 14, 2007, 07:13:18 pm »
Vi riporto l'articolo di VisionPost:
Quote

L'azienda svedese Terranet ha studiato una nuova tecnologia che utilizza il peer to peer per far comunicare tra loro due apparecchi telefonici. I primi test sono stati fatti in Tanzania e Ecuador.

Una compagnia telefonica svedese ha studiato un nuovo modo di comunicare con il cellulare, che non passa attraverso le solite linee e non ha bisogno quindi di stazioni. Si basa infatti, semplicemente, sul sistema peer to peer ed è quindi senza costi per l'utente. La scommessa è di Terranet, un'azienda svedese che pianifica di introdurre la sua novità innanzi tutto nei mercati poveri, laddove il Gsm ancora non arriva. Anzi, fa di più: come riferisce Bbc, scommette anche che la telefonata p2p potrebbe addirittura segnare la fine dello standard globale per la comunicazione mobile.

Tutto è iniziato con un safari in Tanzania, una vacanza del fondatore di Terranet Anders Carlius durante la quale l'imprenditore non poté fare a meno di rilevare quanto fosse strano non poter comunicare con la jeep a pochi metri dalla sua. Prese così a valutare le possibili soluzioni. E la risposta è arrivata dal peer to peer: la tecnologia messa a punto dall'operatore telefonico svedese funziona usando apparecchi adattati a funzionare come nodi di comunicazione con altri cellulari nelle vicinanze. Uno di essi instrada i dati necessari verso un altro – a patto che sia nel raggio di un chilometro – e quest'ultimo può fare altrettanto, raddoppiando così la copertura possibile. Ma possedendo un Pc è possibile chiamare senza limiti di distanza e gratuitamente qualsiasi utente della stessa compagnia.

I primi test sono già in corso in Tanzania e in Ecuador e permettono agli abitanti di questi Paesi – e delle loro vaste zone rurali – di comunicare senza spendere. L'unico problema, come ammette Carlius, è quello di avere a disposizione un numero sufficiente di frequenze. Ma, mentre le aziende rivali si sono già espresse sfavorevolmente dicendo che si tratta di una tecnologia che non funziona e senza un valido modello di business, dal quartier generale svedese fanno sapere di non preoccuparsi di una simile critica, non del tutto fondata: lo dimostrerebbero i 3 milioni di sterline che Ericsson ha già investito in Terranet.


Allora, che ne pensate?

Bluesman

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Posts: 1249
    • View Profile
    • goText
Re: Il p2p per far parlare (gratis) i cellulari
« Reply #1 on: September 24, 2007, 08:25:39 pm »
in america c'è nextel che fa funzionare i suoi telefoni come walkie tokie (come @#@!! si scrive) e quindi si pagano solo i cellulare mi pare, forse questo sistema funziona analogamente